L’Associazione Pandolea nasce dall’idea di unire la voglia di fare, di creare e le energie di donne imprenditrici di piccolo e medie imprese, produttrici di olio extravergine di qualità, impregnate nel promuovere il prodotto, le tradizioni legate alla cultura dell’olio e dell’olivo, il patrimonio artistico, paesaggistico e gastronomico che caratterizza tutte le zone di produzione italiane.

Pandolea, un’associazione che coniuga al femminile il piacere di produrre extra vergine

Sorta a Roma il 27 marzo del 2003, Pandolea è un’associazione senza fini di lucro che riunisce soprattutto produttrici di olio extra vergine d’oliva, ma anche altre donne fortemente legate al mondo dell’olio come agronome, ricercatrici e giornaliste. L’associazione opera sotto il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e del COI (Consiglio Olivicolo Internazionale) che ne hanno da sempre supportato le iniziative.
Perché un’associazione di donne dell’olio? Perché un gruppo di donne si sono ritrovate insieme e hanno valutato di avere in comune esperienze, realtà, problemi e passioni da mettere intorno a un tavolo comune. Altre donne si sono presto unite a loro, oggi l’associazione conta oltre 40 socie che condividono l’interesse nel promuovere la cultura dell’olio extra vergine.

Ma c’è qualcosa in più. Intanto il nome: Pandolea.

Una parola inventata che riprende nell’emozione del suono il mito di Pandora, la donna–madre-generatrice con la doppia valenza, nel male  in quanto dal suo vaso usciranno i guai per gli uomini, rei di essersi impadroniti del fuoco ma anche nel bene perché nel vaso rimane chiusa la Speranza. Pandolea, però, non è Pandora e dall’orcio in cui è rimasta chiusa la Speranza può uscire ancora qualcosa di buono dopo che sono già stati seminati tutti i dolori.

Sta di fatto che nel mondo dell’olio, dominato forse ancor più di quello del vino da una impronta maschile legata anche a tradizioni rurali antiche, l’essere donna può portare davvero una speranza: la speranza che la sensibilità e la passione prevalgano sul mero commercio, che il gusto e la propensione alla degustazione portino prodotti sempre migliori, che l’essere donne e quindi che l’essere generatrici-madri, porti anche a una maggiore sensibilità per l’ambiente, per il paesaggio, per il rispetto di un’agricoltura e di una produzione sostenibile.

Insomma, che i valori dell’essere donna si trasfondano anche nel mondo dell’olio. Le donne fondatrici di questa associazione hanno la caratteristica di essere in prima persona produttrici. E pure se l’associazione è aperta a tutte le donne che hanno comunque un ruolo nel mondo dell’olio e nella diffusione della cultura dell’extra vergine di qualità, il collegamento diretto alla produzione è l’elemento che maggiormente la caratterizza.

Così, le socie di Pandolea mettono in comune le loro conoscenze, il loro lavoro e la loro esperienza per promuovere la cultura dell’olio in Italia, specialmente tra i più giovani. Organizzano attività nelle scuole primarie e secondarie, in particolare scuole agrarie e IPSSAR, proponendo pane e olio come merenda alternativa e più salutare rispetto a quelle preconfezionate, visite alle aziende e tour sui territori olivicoli per mostrare la produzione dell’extra vergine e illustrare come sceglierlo al meglio.

L’obiettivo di Pandolea è allenare il palato dei giovani consumatori all’extra vergine insegnando come riconoscere un olio extra vergine di buona qualità.

 

 

C’è la Settimana dell’ astronomia, quella della cultura scientifica e tecnologica, e  quella dedicata alla musica…; manca una settimana dedicata all’educazione alimentare. Certo, ci sarebbe bisogno di un anno intero per affrontare in maniera completa questo interessante argomento, ma noi donne dell’olio associate in Pandolea crediamo che in una settimana un primo passo importante si possa fare: dare l’opportunità ai ragazzi degli istituti scolastici di conoscere gli alimenti della dieta mediterranea, con particolare riferimento all’olio extravergine di oliva, scrigno di nutrienti fondamentali,  gioiello della nostra tradizione gastronomica e del made in Italy.  

in punta di matita

CONFERENZA INTERNAZIONALE

PER LA PRESENTAZIONE DI PANDOLEA INTERNATIONAL

PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Webinar On-line Piattaforma Livestorm

19 Settembre 2020

9:00 - 18:30

LE REGISTRAZIONI DELL'EVENTO SONO DISPONIBILI SU YOUTUBE, AL SEGUENTE INDIRIZZO:

https://www.youtube.com/playlist?list=PLbJkfn4sKBkIi4BOJf6XsfGMAKubUiNMJ

Costituita nel 2003 senza fini di lucro, l’Associazione PANDOLEA accomuna le donne fortemente legate al mondo dell’olio: dalle imprenditrici alle agronome, dalle ricercatrici alle giornaliste e alle psicologhe, dalle nutrizioniste alle cosmetologhe.

Filo conduttore dell’intensa attività finora svolta da Pandolea è la diffusione della cultura dell’olio fra le nuove generazioni, promuovendo attività educativa nelle scuole, visite nelle aziende e tour nei territori olivicoli per conoscere la produzione dell’extra vergine e, nel contempo, acquisire consapevolezza nella scelta di un olio extra vergine di oliva di qualità.

In una società in continua trasformazione anche il mondo olivicolo è sottoposto ad una rigorosa riconversione. Si rende dunque necessaria una forza propulsiva che faccia della sua autonomia da condizionamenti politici o pressioni di altra natura un valore. In tal senso occorrono tante energie positive, imprenditorialità diffuse, rapporto sistematico tra cultura e olio e cooperazione internazionale su vasta scala.

La Conferenza del 19 settembre 2020 è un punto di partenza essenziale affinché Pandolea International possa diventare strumento ed interprete autorevole per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile di Agenda 2030.

Nel corso dei lavori della Conferenza, che si svolgerà on line in modalità Webinar sulla Piattaforma Livestorm, è prevista la partecipazione di esperti italiani e stranieri con gli interventi di: Paolo De Castro Commissione Agricoltura Parlamento Europeo,), Andrea Sisti Presidente WAA – World Agronomist Association, Teodoro Miano, VicePresidente IAMB-CIHEAM, Enrico Giovannini, Portavoce Asvis, Alleanza Italiana per lo Sviluppo sostenibile, Sabrina Diamanti Presidente CONAF, Loubna Amhair Ministero Agricoltura del Marocco.

Le quattro sessioni speciali previste, coordinate da Martina Montecchia, Sonda Laroussi, Irini Kokolaki, Nehaya Al Muhaisen, tratteranno i temi cari a Pandolea in linea con gli obiettivi 2,4,5,8,11,12 di Agenda 2030: educazione alimentare, imprenditoria femminile, multifunzionalità delle aziende agricole olivicole e identità locale, qualità e sostenibilità della produzione di olio extravergine di oliva, con la partecipazione di molti paesi del bacino del Mediterraneo (Italia, Giordania, Tunisia, Grecia, Marocco, Spagna)

L’evento è patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole Agroalimentari e Forestali, Associazione Mondiale degli Agronomi, dall’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, Università degli studi di Bari, dal Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, dall’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio di Spoleto.

Roma, 10 feb – Quarta edizione del Premio letterario internazionale promosso dall’Associazione Pandolea e intitolato a Ranieri Filo della Torre.Torna a Roma, venerdì 21 febbraio, alle ore
10 nell’Auditorium “Giuseppe Avolio” di Cia-Agricoltori Italiani (Via Mariano Fortuny, 20), la cerimonia per l’assegnazione dei premi ai fi nalisti, evento conclusivo dell’iniziativa che si propone di celebrare un personaggio signifi cativo che, con passione e competenza, si è impegnato per l’olivicoltura italiana.

Leggi tutto...

Torna su


Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X